mapa-homofobia-COLEGAS-620x286

Inizia l’estate e state cercando le vostre destinazioni turistiche?

Per la popolazione LGBT ecco una lista di paesi da evitare assolutamente! Mentre rivolgendovi a noi, potremo proporvi degli ottimi pacchetti vacanze. Contattateci per conoscere quello più adatto a voi!

  • Afghanistan: le relazioni omosessuali sono punite con la morte per lapidazione.
  • Arabia Saudita: l’omosessualità è punita con il carcere, multe, frustate, internamento in cliniche psichiatriche, amputazione o esecuzione pubblica.
  • Brunei: ha recentemente istituito la lapidazione per i gay.
  • Egitto: negli ultimi mesi si sono intensificati gli arresti nei confronti dei gay.
  • Emirati Arabi Uniti: carcere, multe, deportazione per gli stranieri e anche pena di morte.
  • Gambia: l’omosessualità è punita con quattordici anni di carcere.
  • Ghana: gruppi organizzati danno vita a retate e a vere e proprie cacce in cui violentano o uccidono persone omosessuali.
  • Giordania: arresti per il semplice fatto di riunirsi.
  • India: come è noto ha recentemente introdotto il reato di omosessualità.
  • Iran: la polizia, insieme a gruppi di cittadini, organizza “retate del terrore” per “pulire le strade e le città dagli esseri malvagi e criminali” tra cui sono annoverati gli omosessuali.
  • Mauritania: c’è la lapidazione per i gay.
  • Nigeria: l’omosessualità viene punita con frustate per i single e con prigione – o pena di morte – per gli uomini sposati. Sono vietate anche le relazioni di amicizia con persone omosessuali come anche avere con loro rapporti commerciali.
  • Pakistan: fino a cento frustate e in alcuni casi anche la morte per lapidazione.
  • Russia: qualunque manifestazione pubblica della “diversità sessuale” è punibile in base alla legge che viete la propaganda gay. Inoltre, gruppi neonazisti sono zelanti nell’applicare le norme volute da Putin.
  • Senegal: almeno sei mesi di carcere per chi è riconosciuto colpevole di omosessualità.
  • Siria: il clima di guerra ha favorito l’aumento di ricatti, torture e assassini di omosessuali.
  • Somalia: in alcune zone le relazioni omosessuali sono punite con la morte, in altre con la detenzione.
  • Sudan e Sud Sudan: per i gay previste pene da cento frustate alla lapidazione.
  • Uganda: all’inizio di quest’anno è stata approvata che prevede l’ergastolo per le persone omosessuali.
  • Yemen: l’omosessualità è punita con la flagellazione e anche con la lapidazione.
  • Zimbabwe: le persone LGBT sono perseguitate e il Parlamento sta studiando una legge simile a quella dell’Uganda.