660-0-20140326_151650_F4C99168

Prima di arrivare in Italia, dove tra gli altri Obama ha incontrato anche il Papa, il presidente degli Stati Uniti ha visitato Bruxelles e le istituzioni dell’Unione Europea per chiamare all’unità contro la Russia. Nel suo discorso non ha mancato di toccare uno degli argomenti più scottanti, quando si parla di Putin: i diritti delle persone lgbt.
“Invece di prendere di mira i nostri fratelli e le nostre sorelle gay e lesbiche dobbiamo usare le nostre leggi per proteggere i loro diritti” ha dichiarato dal Palais Des Beaux Arts di Bruxelles Barack Obama, il cui governo ha sotto molti aspetti contribuito all’affermazione e al riconoscimento dei diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transgender in Usa.
Ribadendo l’importanza dell’alleanza tra Usa ed Europa, poi, Obama ha aggiunto: “Non dimentichiamo che siamo figli di una battaglia della libertà. La libertà continuerà a trionfare sulla tirannia”.

Ci auguriamo che anche il nostro premier che si dice ispirato da Obama lo sia veramente anche nelle battaglie per la parità dei diritti di tutti i cittadini italiani.

(articolo tratto da gay.it)