Il bouquet, anche se discreto, è tutto fuorché un particolare. La tradizione vuole che venga regalato alla sposa dal futuro marito. Tra 2 spose invece saranno loro a regalarselo reciprocamente. Il significato di questo mazzo di fiori che accompagna le spose all’altare ha un valore ancestrale di augurio e buona fortuna per la nuova vita insieme.

Ma quali sono gli accorgimenti da prendere per la scelta del bouquet di nozze? Sicuramente il punto di partenza per il florist è l’abito da sposa. Tessuto e modello creano le linee guida per la composizione. Se ad esempio l’abito è semplice e dalle linee pulite si potrà lavorare una piccola calla, mentre al contrario, di fronte ad un abito molto lavorato si adatta bene una composizione di ortensie o rose. Anche per i colori vale lo stesso principio.

Le tendenze del momento prediligono la semplicità. Sono sempre più rare le spose che scelgono il classico “fascio” (tra l’altro, decisamente poco pratico). Molto apprezzato è il modello a scettro, dalla forma rotonda e compatta, che ben si adatta ad ogni tipo di situazione. Divertente e pratica anche la forma a borsetta da portare al polso.

Anticamente, gli unici fiori usati per le cerimonie erano fiori d’arancio, simbolo d’abbondanza, felicità e prosperità. Oggi sono maggiormente utilizzate la Rosa Altea che simboleggia la prosperità, l’Ambrosia, amore corrisposto o la Calla, simbolo di bellezza. Molto utilizzata dalle spose anche l’Orchidea, fiore dal duplice significato, non solo bellezza e raffinatezza, ma anche, a causa del nome “orchis” (i tuberi tondi e appaiati, sono decisamente evocativi) “grazie per esserti concessa”. Per questa ragione nell’Inghilterra vittoriana era un fiore quasi bandito. Il Tulipano, può essere declinato in molteplici varietà e colori e simboleggia amore e passione, bisogna però fare attenzione alla sua fragilità. Molto utilizzato è anche il bouquet di margherite (innocenza e amore fedele) e la Peonia, che sbarca dalla Cina per augurare un “matrimonio felice” alle spose. Ultimamente si iniziano a vedere persino delle composizioni create con piccoli cactus che, botanicamente parlando, simboleggiano durata e persistenza.

PS: per il lancio tradizionale del bouquet, solitamente, si consiglia di portarne un altro più piccolino e sicuramente più adatto per il rito onde evitare contusioni e per conservare quello originale come ricordo della giornata.