Immagine 1

Si dice che i gay siano persone molto affascinanti. Questo non è possibile dirlo in assoluto ma di sicuro lo diventerebbero per le aziende italiane se dessero uno sguardo a questa ricerca recentemente realizzata da Eurisko. Elevato livello di istruzione, profilo professionale molto qualificato, con ben il 42% del campione che, anche in tempi di crisi, guadagna più di 1500 euro al mese (contro il 28% della media italiana). Va in vacanza per 23 giorni di media l’anno, cui si aggiungono ben 4,3 short break di 3 giorni, con una spesa complessiva stimata a persona di oltre 2200 euro l’anno per turismo. Spende anche una media di 990 euro l’anno per l’abbigliamento, 660 euro per la cura del corpo, 967 euro l’anno in tecnologia. Ma per quanto emancipati nella vita, solo 1/3 del campione dichiara di manifestare liberamente il proprio orientamento. Sono solo alcuni dati relativi al profilo del consumatore gay italiano che emerge da una dettagliata ricerca Eurisko ed effettuata su 700 utenti di Gay.it, maggiore sito gay italiano, dal 16 luglio al 30 settembre di quest’anno. La ricerca, presentata in occasione diExpo Turismo Gay presso No Frills di Bergamo lo scorso 28 Settembre, offre una visione molto dettagliata del target dei gay italiani (dal 5 al 10% della popolazione secondo l’OMS).

Che a Guido Barilla abbiano fatto vedere questa ricerca per convincerlo a fare dietro front dopo le sue dichiarazioni omofobe?