Il Brasile è un paese che ci piace molto. Non solo per la natura, i paesaggi e le altre “bellezze” da esportazione come Marlon Texeira ma ultimamente anche per le politiche pro gay volte a normalizzare le differenze tra cittadini etero e omosessuali.
Il Consiglio Medico Federale del paese infatti ha approvato una risoluzione che garantisce in maniera esplicita il diritto delle coppie dello stesso sesso ad accedere a tali tecniche di riproduzione assistita.
Questo permetterà che all’interno di una coppia lesbica una delle due possa donare l’ovulo per impiantarlo nell’utero dell’altra; o che una coppia gay possa fare ricorso alla surrogata, a condizione che la donna gestante sia parente (fino al quarto grado) di uno dei due.
La maternità surrogata a fini economici continuerà a essere vietata.